Dom. Lug 14th, 2024

Operazione della Guardia di Finanza: smantellato diplomificio per titoli falsi a Capua, Trani e San Giovanni Rotondo. Lauree false e Diplomi OSS senza valenza.

Un’operazione della Guardia di Finanza ha messo fine a un presunto giro di titoli falsi gestito da un diplomificio interregionale, con Raffaele D’Elena, 35enne di Capua, al centro dell’organizzazione. D’Elena, già coinvolto in precedenti indagini simili, presiedeva l’istituto paritario Garibaldi di Vairano Patenora, in provincia di Caserta, chiuso nel 2023 per gravi irregolarità dal ministero per l’Istruzione.

Secondo la procura di Santa Maria Capua Vetere, l’istituto Garibaldi si era trasformato in una vera e propria “stamperia” di titoli falsi, venduti a circa 6.000 euro l’uno. Questi diplomi, che includono lauree e titoli di Operatore Socio Sanitario (OSS), erano utilizzati per ottenere vantaggi nei concorsi pubblici e privati.

L’operazione della Guardia di Finanza, condotta giovedì e venerdì scorsi, ha visto perquisizioni non solo nell’istituto di Vairano, ma anche in altre scuole nelle province di Caserta, Campania e Puglia. Le indagini sono in corso per individuare tutti coloro che hanno acquistato o utilizzato i titoli falsi emessi da quest’organizzazione.

L’inchiesta ha rivelato una rete complessa che coinvolgeva anche altre entità, come una società di formazione a Trani con ufficio a San Giovanni Rotondo, un’associazione culturale a Barletta e lo studio di un commercialista foggiano nel Casertano. A tutti viene contestata l’associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata allo Stato, oltre che il concorso in falso ideologico e materiale.

Secondo le indagini, D’Elena avrebbe orchestrato la truffa utilizzando intercettazioni ambientali e telefoniche che hanno rivelato il suo coinvolgimento diretto nell’emissione dei titoli falsi.

Questo scandalo evidenzia le gravi vulnerabilità nel sistema educativo e l’importanza di preservare l’integrità dei titoli accademici e professionali. L’azione delle autorità mira a ripristinare la fiducia nell’istruzione e a garantire un accesso equo alle opportunità lavorative basate sul merito.

Per ulteriori aggiornamenti su questo sviluppo e per maggiori informazioni sulle misure adottate dalle autorità competenti, si consiglia di consultare le fonti ufficiali e i comunicati stampa delle istituzioni coinvolte.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *