Dom. Lug 14th, 2024

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Firenze e Pistoia (Opi Fi-Pt) ha espresso il proprio sostegno ai colleghi e alle colleghe che operano all’interno del carcere di Sollicciano, evidenziando la necessità di una maggiore attenzione alle condizioni lavorative e di vita all’interno della struttura carceraria.

Le Dichiarazioni del Presidente David Nucci

David Nucci, presidente di Opi Firenze Pistoia, ha dichiarato: «Auspichiamo la massima attenzione delle autorità competenti perché gestiscano con sensibilità la situazione che da tempo è estremamente complessa. Sollecitiamo la massima tutela dei professionisti che operano nel carcere e delle persone che scontano una pena al suo interno e che devono sempre essere trattate con equità, rispetto dell’umana dignità e attenzione alle esigenze sanitarie e psicologiche».

Contesto e Problemi Attuali

La situazione nel carcere di Sollicciano è da tempo oggetto di preoccupazione per le condizioni di lavoro degli operatori e la qualità della vita dei detenuti. Gli operatori presenti all’interno della struttura hanno più volte sollecitato un cambiamento delle condizioni carcerarie, richiedendo una gestione più attenta e sensibile da parte delle autorità.

L’Appello di Opi Fi-Pt

L’Opi Firenze Pistoia si unisce a queste richieste, sottolineando l’importanza di garantire la dignità umana e le necessità sanitarie e psicologiche di tutte le persone coinvolte. Questo appello si rivolge non solo alle autorità competenti, ma anche alla società civile, affinché si prenda coscienza della situazione e si agisca di conseguenza per migliorare le condizioni all’interno del carcere.

Considerazioni Finali

Il supporto di Opi Firenze-Pistoia rappresenta un passo importante verso il riconoscimento dei diritti dei professionisti sanitari e dei detenuti, sottolineando la necessità di un trattamento equo e dignitoso per tutti. Le autorità sono chiamate a rispondere a questa sollecitazione con interventi concreti, volti a migliorare le condizioni di lavoro e di vita nel carcere di Sollicciano.

Seguici anche su:

  • Gruppo Telegram: Concorsi in Sanità – LINK
  • Gruppo Telegram: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Telegram: Infermieri – LINK
  • Gruppo Telegram: Operatori Socio Saniari (OSS) – LINK
  • Gruppo Facebook: Concorsi in Sanittà – LINK
  • Pagina Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: Operatori Socio Sanitari – LINK
  • Gruppo Telegram: ECM Sanità – LINK
  • Gruppo Facebook: ECM Sanità – LINK

Per contatti:

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *