La venerata madre dell'infermieristica Florence Nightingale

Pausa Caffè: 5 verità che non sai su Florence Nightingale

Pausa Caffè, l'appuntamento della domenica pomeriggio di Assocarenews.it, questa volta ha scavato così tanto nella storia infermieristica da raggiungere i dettagli più segreti della figura madre, venerata da tutti i cultori del nursing: niente di meno che Florence Nightingale!

E se la biografia ufficiale può risultare noiosa, quella non ufficiale ci regala particolari curiosi e interessanti che delineano in maniera originale il profilo di una donna di cui si si parla da 150 anni!

Ecco allora i 5 dettagli sconosciuti che la Lobby dei cultori delle teorie del nursing non vorrebberero che tu leggessi!

 

Nome di città: un vizio in famiglia.

Qualsiasi biografia saprà narrarvi in lungo e in largo come la nostra Florence sia nata a Firenze e che la scelta del nome derivi dall'amore dei genitori verso la città.

Evidentemente i genitori erano persone particolarmente espansive e affettuose verso i centri urbani perchè Florence non fu l'unica Nightingale ad omaggiare una città con il nome: infatti una delle sorelle nacque a Napoli e fu chiamata appunto Parthenope.

 

Fu formatrice di sua zia!

Nell'oltre un anno in cui fu sovrintendente di un Istituto di formazione infermieristica per donne a Londra, Florence riuscì a formare come infermiera pure sua zia, in barba alle gerarchie familiari. Essa la seguì pure in Crimea, nella spedizione del 1854.

 

"La donna con la Lampada": la fama nacque da una semplice frase 1

La frase che fu più volte ripresa per descriverla e con cui viene spesso iconizzata all'inizio nacque grazie ad un cronista del The Times, il giornale londinese che mentre lei era ancora in Crimea le dedicò un articolo. Questa immagine fece letteralmente impazzire il popolo inglese che vide in lei un esempio, tanto che fu creato il Florence Fund, un fondo che raccolse cifre impressionanti in pochi giorni per formare infermiere capaci di prendersi cura dei soldati inglesi feriti.

 

"La donna con la Lampada": la fama nacque da una semplice frase 2

La frase descriveva un'immagine talmente potente da essere diffusa in pochi mesi ovunque nel mondo. Henry Wadsworth Longfellow, letterato statunistense, rimase talmente affascinato da queste parole da inserirle nella poesia Santa Filomena

"Guarda!

In quella casa della sofferenza

vedo una signora con una lampada

che passa veloce in una luce incerta

da una stanza all’altra"

 

Partecipò alla guerra di secessione americana

Florence, seppur cittadina britannica, fu coinvolta nella guerra di secessione americana dove stati del nord e stati del sud diedero vita alla guerra civile principalmente a fronte di un'idea divergente sul concedere la libertà alle persone afroamericane.

Florence era sensibile all'argomento in quanto nipote di William Smith, noto abolizionista della schiavitù e membro dell'alta borghesia inglese, e forse anche per questo accettò l'invito del ministro della guerra dei Confederati del nord a fornire consulenza alla Commissione Sanitaria dell'Esercito nordista. Questa fitta corrispondenza epistolare fu riconosciuta come preziosa e illuminante e riuscì a contenere al minimo la mortalità tra le truppe nordiste durante il conflitto.

Pin It
Redazione
Author: RedazioneWebsite: http://www.assocarenews.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La redazione del quotidiano sanitario nazionale è formata da Infermieri, Infermieri Pediatrici, Oss e Professionisti della Salute e della Formazione.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email