Infermiere rischia ergastolo per omicidio aggravato: somministrò farmaco non prescritto.

Infermiere rischia ergastolo per omicidio aggravato: somministrò farmaco non prescritto.

I medici non sapevano nulla, lui somministra calmante, paziente deceduto per arresto respiratorio

Ha somministrato un calmante ad un paziente, poi morto, al solo scopo di sedarlo e lavorare di meno. E' l'accusa nei confronti di un Infermiere, indagato per omicidio aggravato al termine delle indagini dei carabinieri del Nas coordinate dalla procura di Asti. Il decesso sospetto nel 2015 presso l'ospedale di Carmagnola (Torino). L'operatore sanitario è accusato di avere provocato, con la somministrazione del farmaco, la crisi respiratoria che ha ucciso il paziente.

Secondo l'accusa, l'uomo avrebbe anche ostacolato i soccorsi: quando il paziente si è sentito male, non ha detto nulla al personale medico di quella puntura, effettuata senza alcuna prescrizione medica e in assenza di adeguate condizioni e modalità d'uso. Un antidoto, presente nel reparto e pronto all'utilizzo, poteva infatti salvare il paziente. Per questo motivo il procuratore di Asti, Laura Deodato, contesta all'indagato le aggravanti di avere agito per motivi futili e abbietti.

Ora l'uomo rischia l'ergastolo. Quello della somministrazione di farmaci senza prescrizione medica è un problema atavico che riguarda non pochi Infermieri che spesso prendono iniziative che non compete alla loro professione. Questo accade nel pubblico e nel privato, ma si accentua maggiormente nelle case di riposo.

Fonte: Ansa.it - AssoCareNews.it

Pin It
Redazione
Author: RedazioneWebsite: http://www.assocarenews.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La redazione del quotidiano sanitario nazionale è formata da Infermieri, Infermieri Pediatrici, Oss e Professionisti della Salute e della Formazione.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email